Salisano in Sabina

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Primi piatti
Primi piatti

Fregnacce alla sabinese (Rieti)

INGREDIENTI PER LA PASTA: 600 gr. di farina, acqua e sale q.b.
INGREDIENTI PER IL CONDIMENTO: 500 gr. di pomodori pelati o pomodori freschi da sugo, 150 gr. di olive nere piccole, 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva, 1 spicchio di aglio, una manciata di prezzemolo, sale q.b.
PROCEDIMENTO: preparare la farina a fontana sulla spianatoia ed impastarla con l'acqua ed il sale.
Lavorare la pasta fino ad ottenere un composto omogeneo e stenderla con il mattarello in una sfoglia non troppo sottile. Avvolgere la pasta su se stessa e tagliarla da destra verso sinistra in modo irregolare formando dei triangoli.
In una padella capiente mettere l'olio e l'aglio e fare imbiondire, poi aggiungere il pomodoro e far cuocere alcuni minuti. Aggiungere le olive e aggiustare di sale.
Cuocere le fregnacce in acqua bollente e salata (con un goccio d'olio che impedirà alla pasta di incollarsi). Scolare al dente e passarla in padella per la mantecatura, cospargere con il prezzemolo e servire calde.
 

Gricia (amatriciana in bianco) (Amatrice)

Fin dal Settecento i Pastori dell’Agro Romano e dell’Agro Pontino erano soliti portare le loro greggi in estate sui Monti della Laga, che circondano la Conca Amatriciana. 
Durante la Transumanza erano soliti preparare la “GRICIA”, ritenuta da molti la vera originale pasta all’Amatriciana (senza pomodoro). 

INGREDIENTI PER 4 PERSONE: 500 gr. di pasta “Mezze Maniche Rigate”, 500 gr. di guanciale amatriciano stagionato già pulito (che corrisponde ad un guanciale intero che in origine pesa circa 700 – 800 gr.), 100 gr. di pecorino romano, sale grosso, pepe mezzo cucchiaino da caffè. 
PREPARAZIONE: (la ricetta è rimasta la stessa fino ai giorni nostri) pulire bene il guanciale, asportando la cotenna e tagliandolo in piccoli pezzi, avendo anche cura di eliminare il pepe. 
Mettere il Guanciale in una grande padella (preferibilmente in ferro) e rosolare senza olio, a fuoco lento, per circa 20 minuti, girandolo continuamente finchè non appare ben dorato. 
A questo punto scolare con la schiumarola e appoggiare su carta paglia dove il guanciale, asciugando, diventerà croccante. 
Cuocere le “Mezze Maniche” in acqua bollente già salata e scolarle al dente. Condire la pasta nella sua pentola, aggiungendo il guanciale ed il fondo di cottura. 
Aggiungere al tutto un abbondante grattugiata di pecorino  e del pepe macinato. 
 

Sagne "a la molenara"

Disporre la farina a fontana sulla spianatoia, al centro versarci l'acqua tiepida ed il sale. Impastare il tutto fino ad ottenere un impasto morbido e liscio. Infarinare la spianatoia e tirare la sfoglia dello spessore di 1/2 cm. Tagliare con il coltello delle strisce di pasta lunghe quanto la sfoglia. Cuocere le sagne in abbondante acqua bollente salata, avendo cura di metterne giù una alla volta, allungandole con le mani. Condire con un sugo fatto con olio di oliva, aglio, pomodoro, maggiorana e peperoncino. Servire calde.
 

Bucatini all'amatriciana (Amatrice)

Tagliare grossolanamente il guanciale di maiale e versarlo in un tegame insieme ad un po' di olio d'oliva. Farlo rosolare piano piano ed appena il grasso si sarà sciolto ed il guanciale croccante, toglierlo dall'olio e metterlo da parte. Unire al condimento rimasto nel tegame il pomodoro fresco ed un po' di peperoncino, salare e far cuocere per 10 minuti, quindi togliere il sugo dal fuoco.
Cuocere i bucatini in abbondante acqua salata, scolarli al dente, versarli nel piatto di servizio, cospargerli con abbondante pecorino grattugiato al momento e girarli. Condirli quindi con il sugo e girarli ancora. Da ultimo aggiungere il guanciale.
Servirli caldissimi.
 

Pane ammullu (Acquacotta)

Questo piatto oggi è completamente scomparso dalla tradizione culinaria sabinese, un tempo costituiva invece il piatto dei pastori perchè veniva preparato e lasciato da parte pronto per essere mangiato in qualsiasi momento.
Può essere preparato in molteplici modi, ma esige sempre olio di oliva crudo, pane casareccio, verdure e quasi sempre formaggio pecorino grattugiato.
Le verdure si fanno bollire sempre a lungo, fino quasi a sciogliersi. Può essere preparato con acqua, cipolla, pomodoro, salvia, mentuccia, sale e peperoncino, scodellati su pane casareccio e irrorati con olio di oliva crudo; come con patate cipolle, sedano e pomodoro oppure cicoria di campo, patate, cipolla e pomodoro, o anche con fave e legumi di vario tipo, cipolla, sedano, con o senza pomodoro oppure con baccalà, cipolle tagliate a rondelle.
 


Pagina 9 di 10

Attivita a Salisano


Impianti elettrici e tecnologici. Per info: 3392653546

Notizie flash

Questo sito si prefigge di far conoscere questo bellissimo paese della Sabina situato a circa 60 chilometri da Roma e a 33 km da Rieti dove è possibile godere del piacevole clima, della natura, della buona cucina e del relax. Qui potrete trovare una rassegna di tutto ciò che Salisano offre in termini paesaggistici e di accoglienza. Buon divertimento.